Vari e nuovi tipi di pellet

Sul mercato si stanno presentando nuove tipologie di pellets (grazie alla disponibilità delle biomasse derivanti dalla lavorazione e lo scarto di prodotti agricoli e forestali) come il pellet di legno misto a mais, il pellet ottenuto dal nocciolino della sansa di oliva, pellets vari ottenuti da fieno, paglia e vegetali, triturati vari di gusci di nocciole, mandorle, semi di ciliegie, pesche e albicocche, vinaccioli.
Queste nuove formule sono ancora in fase di sperimentazione e non hanno ancora una normativa ben definita che ne attestino la conformità, in oltre i fumi e le scorie prodotte possono essere nocivi e dannosi per le stufe stesse.
E' importante quindi fare molta attenzione prima di acquistarli ed utilizzarli. Comunque ben vengano tutti quei sistemi che possano sostituire i combustibili fossili e che garantiscono un reciclo di materiali di scarto che altrimenti verrebbero inutilizzati.